next prev
close
Toni Poli Tour

Un sogno colorato di rosso

Era la fine degli anni ’40 quando Toni Poli tornò dalla guerra con il titolo di capitano dei Bersaglieri.

Si impegnò fin da subito nell’attività di famiglia e dopo qualche anno chiese al padre il permesso di acquistare una moto Guzzi.

Il desiderio e il portafoglio di Toni viaggiavano verso lo Stornello 125 cc, ma la sorpresa fu grande quando il 10 agosto 1950 il padre Giovanni anticipò il figlio regalandogli un magnifico Airone Sport 250 cc.

Un sogno, colorato di rosso.

 

Toni Poli al Santuario di Lourdes, Francia

LE PRIME SCAMPAGNATE

In una delle sue prime scampagnate Toni porto con sé l’amico Rino Cabion, allora direttore della Banca Popolare di Marostica: un’accelerazione improvvisa fece ribaltare il passeggero dalla moto senza che Toni se ne accorgesse, intento com’era a gustarsi il mitico rombo ritmato della Guzzi… solo un paio di km dopo si girò e vide il povero Rino che lo rincorreva gridando!

I GRAND TOURS

L’epopea a due ruote di Toni Poli è segnata da molti viaggi, due dei quali hanno fatto storia:

il tour del 1951:

Schiavon – Francia - Inghilterra – Belgio – Olanda – Danimarca – Norvegia – Capo Nord – Svezia - Germania – Austria – Schiavon

Toni Poli in moto con gli amici

Il tour del 1953:

Schiavon – Costa Dalmata – Albania – Grecia – Canale di Corinto – Egitto – Libia – Algeria – Marocco – Stretto di Gibilterra – Andalusia – Costa Brava – Schiavon

Se consideriamo che all’epoca non c’erano telefoni cellulari e che nessun viaggio era “all inclusive” dev’essere stata una vera avventura. Fortunatamente la Guzzi era una moto robusta e Toni, da buon meccanico qual era, ha saputo rimediare ai rari imprevisti “tecnici”.

Tante le persone conosciute e i visi impressi nella memoria, ma a Capo Nord…

A CAPO NORD

A Capo Nord una famiglia lappone gli offrì di dormire in una tenda insieme ad una prestante giovanotta in segno di calorosa ospitalità. 

Moto Guzzi

Toni, aitante trentenne, preferì tuttavia declinare l’offerta perché la fanciulla era tutta unta di olio di pesce: il capofamiglia lo considerò un affronto e dovette letteralmente “levare le tende” in velocità, fuggendo via inseguito dai lapponi infuriati.

Dopo 10.000 chilometri di avventure Toni Poli ritornò a casa.

La festa in paese iniziò con l’aperitivo creato per l’occasione, rosso come l’Airone.

L’Airone Sport con Toni Poli ha percorso tante strade e visto tanti luoghi: oggi si gode un meritato riposo e dà il benvenuto ai visitatori della Distilleria.

Qualche volta Andrea, che dal padre ha ereditato il pallino della meccanica, lo mette in moto, e il sogno rombante rivive.

Un sogno colorato di rosso.

Liquore aperitivo

Airone Rosso - Aperitivo Veneto

Aperitivo ottenuto per infusione in Grappa e vermouth di spezie e erbe aromatiche

Toni Poli (1919-2001) aveva un sogno, nel 1951 finalmente lo realizzò: partì in sella della sua moto Guzzi Airone Sport 250cc e raggiunse Capo Nord.

Dopo 10.000 km di avventure ritornò a casa. La festa in paese iniziò con l’aperitivo creato per l’occasione, rosso come l’Airone.

airone Un sogno colorato di rosso


Leggi ...

Jacopo Poli

PDF

Caratteristiche

Materia prima: infusione in Grappa e vermouth di spezie e erbe aromatiche
Aroma: bouquet intenso e fruttato, mandarino
Gusto: dolce con finale gradevolmente amarotico
% Alc - Contenuto: 17% Alc./Vol - 700 ml
Servizio: in un bicchiere a tulipano, a 10/15 °C.

 Acquista su Poli Shop Online

Poli Airone Rosso con tubo - Aperitivo Veneto

Poli