next prev
close
Grappa morbida o secca?

Grappa secca o morbida?

Spesso i clienti chiedono al cameriere: “mi dia una Grappa secca!” oppure “preferisco una Grappa morbida…

Ma cosa significa e come si può distinguere una Grappa ‘secca’ da una Grappa ‘morbida’?

Si tratta di una percezione cosiddetta ‘doppia’ perché incide sia a livello nasale che sulla mucosa orale. Proprio perché si sente al naso viene normalmente attribuita all’olfatto ma in realtà si tratta di un falso odore perché è una sensazione di origine tattile che si percepisce nel cavo orale durante l’assaggio.

Una Grappa ‘secca’ si presenta in bocca con toni piuttosto volatili, ai limiti della pungenza e, anche se è armonica, non è affatto dolce ma tende a dare una sensazione tattile netta, crepitante, quasi spigolosa.

Una Grappa morbida invece viene percepita in bocca più rotonda, armonica, sferica, quasi dolce.

Attenzione però, la morbidezza non va confusa con la dolcezza. Non è certo aggiungendo zucchero che si trasforma una Grappa pungente e aggressiva in una Grappa morbida. In questo modo si può al massimo ottenere una Grappa disarmonica.

Grappa secca

Le caratteristiche che contraddistinguono una Grappa ‘secca’ da una ‘morbida’ derivano dal vitigno di provenienza, dalla gestione della vinaccia e dalla gestione del processo di distillazione.

Alcuni vitigni trasferiscono al distillato un notevole patrimonio di acidi, i quali danno luogo durante l’assaggio ad una percezione ‘secca’. Altri vitigni invece cedono una quantità di acidi minore, il che si traduce in una percezione più ‘morbida’.

Nel corso degli ultimi trent’anni è stata molto migliorata la gestione della vinaccia dalla cantina all’alambicco, al fine di evitarne accuratamente l’ossidazione e la conseguente formazione di composti volatili indesiderati nonché perdita di profumi e aromi. Inoltre, durante la distillazione, si scartano porzioni molto più abbondanti di ‘teste’ e di ‘code’, con l’obiettivo di ottenere un ‘cuore’ del distillato meno pungente e più pulito.

La Grappa di oggi è decisamente meno aggressiva di quella di un tempo. Va detto tuttavia che una certa pungenza è una caratteristica tipica della Grappa, dovuta all’elevata gradazione alcolica.

Po di Poli Secca

Per questo motivo è preferibile servire la Grappa fresca e in un bicchiere a tulipano, mentre è meglio evitare temperature di servizio elevate e bicchieri con il camino stretto che enfatizzano la pungenza. Va detto tuttavia che la sensibilità alla pungenza di una Grappa varia da individuo a individuo.

Pertanto la stessa Grappa potrebbe essere percepita sia ‘secca’ che ‘morbida’ da persone diverse a seconda del loro parametro soggettivo di valutazione.

PO’ di Poli Secca è una Grappa che viene pertanto definita ‘secca’ in base alla valutazione dello staff tecnico della distilleria. Si tratta comunque un’acquavite armonica, di bella struttura, che ricorda l’erba fresca appena sfalciata e note di fiori rossi, come il geranio, la rosa e la violetta, aromi tipici del vitigno da cui è ottenuta, il Merlot.

PO’ di Poli Secca non presenta nessuna asperità né alcuna aggressività, pur proponendo un sensazione tattile pseudo-calorica che avvolge la bocca e fa schioccare la lingua.

Grappa giovane

Po' di Poli Secca

Merlot

PO' DI POLI indica con chiarezza il proprio gusto per favorire la scelta del consumatore.

Un gusto identificabile frutto di una armonica cuvée di singoli vitigni appartenenti alla stessa famiglia ma diversi per clone, provenienza, tempi di raccolta e tecnica di vinificazione: il PoliVitigno®.

po-secca Grappa secca o morbida?


Leggi ...

Jacopo Poli

PDF

Caratteristiche

Materia prima: vinaccia di uva Merlot Piave, Merlot Breganze
Distillazione: artigianale, a piccoli lotti, con alambicco in rame con caldaiette a vapore a ciclo discontinuo
Aroma: di mosto, erba appena tagliata, giacinto
Gusto: caloroso, appagante e vigoroso
% Alc - Contenuto: 40% Alc./Vol - 700 ml
Servizio: in un bicchiere a tulipano, a 18/20 °C.

 Acquista su Poli Shop Online

PO’ di Poli Secca con tubo - Grappa giovane

Poli Museum